• Home
  • Docs
  • Testi
  • Bicocca ti ascolto...e ti guardo

Bicocca ti ascolto...e ti guardo

Bicocca ti ascolto...e ti guardo

Alcune specificità e caratteristiche metodologico-sonore che l'hanno costruito. Alcune note per leggerlo, sfogliarlo, farci accompagnare per strada

bicoccatiascoltoetiguardo r

Del suo carattere sonoro

Questo libro risuona. Perché è frutto di un lavoro etnografico che, tra i diversi strumenti d’indagine e coniugando approcci di antropologia dei luoghi e di antropologia sonora, pone l’ascolto reale e concreto del contesto-luogo nelle sue varie componenti, come fondamento della ricerca e ne determina la struttura. Esso è quindi un documento che testimonia il contesto indagato in un periodo di tempo definito, ma diventa anche una guida che accompagna e mette all’opera il lettore. Proprio per le sue caratteristiche di costruzione e le sonorità che affiorano dalle pagine diventa uno strumento da utilizzare, una traccia per ripercorrere i luoghi ‘di persona’, camminandoli, oppure avvicinandoli ‘virtualmente’, anche a distanza. Indica tracce e percorsi possibili, aperti e oltrepassabili, mai chiusi e definitivi.

Tutte le fotografie sono essenzialmente ‘sonore’, perché tutti i luoghi e le situazioni ‘ritratte’ sono risultato di ascolto reale e di incontri. Alcune tipologie di sonorità si manifestano da subito, altre, più discrete a un primo sguardo, quasi soffuse, diventano interroganti se si concede loro il tempo di essere evocative. Ancor più quelle silenziose, che contengono narrazioni aperte.

Le relazioni che affiorano tra le pagine restituiscono sonorità, alcune evidenti perché legate a luoghi noti e famosi: così potremo ‘ascoltare’ le sonorità e i fruscii che attraversano "Sequenza", oppure attivare ricordi e aprire aspettative ‘sonore’ davanti al Teatro degli Arcimboldi, o ancora aspettarci un rumore improvviso dai binari vuoti appena spolverati di neve. Altre, meno evocative a prima vista perché parte dell’ ‘ovvia’ quotidianità dei luoghi, sono quelle che possono condurci altrove e continuare a risuonare anche lontano.

Metodologie...  La metodologia di ricerca, di rielaborazione e di costruzione del testo informa anche le modalità d’uso, se ne trova traccia esplicita in alcune pagine d’inizio.

E’ un libro immersivo e che induce esperienza. Porta subito dentro: pochi gradini e si è già lì. Nel luogo che costituisce il centro del contesto, ambito di inizio e quasi di raccoglimento. Si procede poi attorno, accompagnati nei diversi luoghi, distanziandosi a cerchi o seguendo varie direzioni, traiettorie che portano altrove, anche lontano. Nel tempo, nello spazio. Le parole e le fotografie accompagnano nel ‘fare esperienza’ dei luoghi e degli incontri, nel modo di porre attenzione e interesse a ‘dove ci si trova’, a dove si posa lo sguardo, come, e su che cosa. Come un suggeritore discreto, esse seminano indizi, a volte ammiccando con la coda dell’occhio. Ma il primo passo comincia aprendo le orecchie. Regalando attenzione all’ascolto del luogo, che a sua volta porta curiosità.

Tempi, stagioni, ore del giorno, frequentazioni, fanno diversi gli stessi luoghi. Il ‘viaggio’ può iniziare in ogni punto e i percorsi possono seguire varie traiettorie. Il libro, dedicato a un contesto ben definito ha - a prima vista - un carattere ‘site specific’. E in questo mostra il suo stretto legame con il luogo narrato. Ma è facile farsi portare altrove. E’ documento e narrazione di quel luogo, ma può essere utilizzato come un leggero manuale da esperimento. Concedendo alle immagini e alle parole il tempo di diventare risonanti ed evocative, trasferibili altrove, costitutive di altre reti e relazioni.

Alcune prospettive ‘laterali’, tangenti, si aggiungono come suggerimento per altre prospettive di sguardo. Alcune immagini diventano simbolo e mettono in gioco il legame tra particolare e generale, vicino e lontano, l’allora e l’attuale. Fanno emergere il carattere del luogo nelle sue componenti. E le assenze, preziose, cominciano a porre domande.

                                                                                                                  tullia gianoncelli

Milano, novembre 2017

 

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy..

Accetto cookies da questo sito